Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Modelli animali, cellulari e computazionali per la salute  

Questo ambito di ricerca si concentra sull'uso di modelli per la promozione della salute animale, per la tutela della biodiversità e per il miglioramento degli aspetti produttivi e riproduttivi.

Il Dipartimento intende promuovere l'applicazione di un approccio multidisciplinare, intersettoriale e coordinato per affrontare i rischi potenziali o già esistenti che hanno origine dall’interfaccia tra ambiente-animali-ecosistemi e l’uomo secondo un approccio One health applicato alle problematiche d’attualità ed emergenti. L’attenzione è rivolta allo studio di modelli animali che possano simulare processi fisiologici e pertanto consentire lo studio di approcci innovativi per rendere più efficienti le performance produttive e riproduttive anche nell’ottica della salvaguardia della biodiversità di specie e di razze a rischio di estinzione.   

Linee di ricerca saranno inoltre dedicate allo studio di modelli di patologie e all’elaborazione di approcci terapeutici utili al perfezionamento di tecniche da applicare anche all’uomo. Ciò assume particolare significato ai fini del miglioramento sia della salute animale, sempre ponendo particolare attenzione agli aspetti normativi, di bioetica e di benessere animale.

Per quanto riguarda i modelli cellulari si intendono ulteriormente sviluppare strategie biotecnologiche che consentano studi comparati e preclinici di alto impatto traslazionale e rilevanti per la salute animale che garantiscano di ridurre drasticamente l'uso di animali da esperimento, in accordo con il principio delle 3R. Trovano sviluppo innovativo ed impiego quindi i modelli computazionali, algoritmi e strumenti software che consentono la simulazione, la modellizzazione, l'elaborazione e la gestione d'insiemi di dati complessi per lo studio dei sistemi biologici delle specie animali. A supporto dell’attività di ricerca e modelling il Dipartimento si occupa di formulare strategie analitiche di indagine di percezione ed accettabilità per prevenire il rischio di rifiuto dell’utilizzo dell’innovazione e identificare azioni di accompagnamento per la diffusione dei risultati della ricerca nella società.

Torna ad inizio pagina